• L'ARRIVO DEL CUCCIOLO

  • Di Pamela Giuttari in BASSETHOUND TOWN (file) 
  • L’educazione di un cucciolo parte dalla mamma che, nei primi due mesi di vita gli insegna a comportarsi correttamente con i fratellini, limita i morsi e modera gli atteggiamenti di dominanza, questa fase importantissima (per questo motivo i cuccioli non devono essere staccati dalla mamma prima dei 60gg*) si chiama “imprinting”.

    Finito l’imprinting, l’educazione del cucciolo tocca a noi, e ci sono alcune regole che vanno seguite assolutamente.

    Innanzitutto con l’arrivo di un cane, bisogna iniziare a pensare alla nostra famiglia come ad un branco.. avete presente nei cartoni animati, quando si vedono i branchi di lupi riuniti ai piedi di una montagna e il capo branco invece sta in cima? Ecco.. più o meno dobbiamo avere questa immagine in mente per capire le regole gerarchiche e applicarle alla nostra famiglia.. nei branchi, il capo branco è quello che sta sempre più in alto perché è più importante, perché comanda, perché è dominante e rispettato da tutti, è quello che cammina per primo, è il primo che attraversa l’ingresso delle caverne, gli altri lo seguono, è il primo che mangia, gli altri mangiano quando lui ha finito.. ecco, voi siete i capi branco, quindi il cane dovrà fare tutto dopo di voi, per esempio passare dalle porte o mangiare, dovete farlo sempre prima voi e poi il cane.. voi dovete stare sempre più in alto per guadagnarvi il suo rispetto, per questo il cane non dovrebbe salire su letti e divani ma stare ai vostri piedi..:)

    l’educazione del cucciolo da parte nostra inizia dal viaggio verso casa, quando andate a prendere il vostro cucciolo e lo mettete in macchina, mettetelo ai piedi del passeggero e cercate di non coccolarlo, di non parlargli con quelle 1000 vocine idiote che escono naturalmente dalla nostra bocca alla vista di un cucciolo, di non guardarlo insomma.. lo so è difficilissimo ma è importante, il primo errore sta proprio nel coccolarlo durante il viaggio. Pensate che stiamo staccando il cane da mamma e fratellini, quindi sarà spaesato.. se noi lo coccoliamo per tutto il viaggio, arrivati a casa non vorrà più restare solo.. mentre se noi, in macchina non “ce lo filiamo”, arriviamo a casa, gli diamo la pappa e un posto per dormire, lui apprezzerà e saprà che voi ci siete e vi prenderete cura di lui anche se non lo “pastrugnate” per ore.. quindi 6 punti importanti:

    1: durante il viaggio verso casa, mettere il cucciolo ai piedi del passeggero e cercare di dargli meno attenzione possibile. Lui cercherà di salire sul sedile, piangerà, abbaierà, (di solito i cani normali fanno così, la mia dormiva e russava di brutto, ma parlavo di quelli normali :) ) voi, fingete di non sentire.. ignoratelo, dopo poco si stuferà e smetterà.

    2: all’arrivo a casa, fatelo mangiare, portatelo fuori a sporcare e poi mettetelo direttamente nella sua cuccia, si deve abituare da subito a stare solo..dormirà come un ghiro.

    3: se il cane piange, va completamente ignorato.. il cucciolo non distingue un complimento da una sgridata, qualsiasi cosa voi facciate verrà percepita come un’attenzione nei suoi confronti e lui penserà: IO PIANGO E LORO ARRIVANO, quindi, mettete i tappi nelle orecchie ma ignoratelo completamente, dopo poco smetterà.

    4: il cane sporca in casa, normale, fino a 4 o 5 mesi sarà così.. ma per evitare che questa fastidiosa fase si prolunghi dobbiamo far capire al piccolo dove fare i suoi bisogni.. il metodo è semplice, quando lo portiamo fuori e la fa nei posti giusti, lo premiamo con carezze, complimenti e una crocchetta, quando invece la fa in casa, lo ignoriamo e puliamo cercando di non farci vedere.. mi soffermo su questa cosa perché in pochi sanno che, se il cucciolo ci vede pulire la sua cacca e la sua pipì può prendere il gesto come una specie di furto, e spesso accade che, pur di “non farsela rubare”, iniziano a farla in posti nascosti (dietro ai mobili, alle porte, sotto i tavoli ecc..) o addirittura a MANGIARLA!! Quindi, evitate i metodi della nonna tipo picchiare il cane con il giornale o pucciare il muso dentro la pipì, non servono a nulla.. premiate l’azione giusta e ignorate quella sbagliata.

    5: la pappa.. le crocchette sono il cibo piu completo, quindi non serve dare altro. Meno cose assaggia più sarà facile per voi continuare a fargli mangiare le crocche.. se il cane assaggia altro, ovviamente non è scemo, si rifiuterà di mangiare le crocche, e per voi inizierà un bel periodo di estenuanti tentativi di convincerlo a mangiare, a cui si aggiungeranno gesti insulsi tipo farlo mangiare dalle mani o addirittura trenini e aeroplanini col cucchiaio.. per evitare tutto questo c’è un solo modo: il cucciolo deve mangiare le sue crocche per 3 volte al giorno, cercate di rispettare sempre gli stessi orari. Le crocche vanno pesate!!! Non andate a caso.. ogni 10 giorni bisogna aumentare la dose di 10 grammi a pasto.. se il cane non mangia tutta la pappa, non forzatelo e non aggiungete cibo alternativo per ingolosirlo altrimenti finirà per mangiare solo quello lasciando le crocche, quindi, se non mangia togliete la ciotola e rimettetela giù al pasto successivo, MAI LASCIARE IL CIBO A DISPOSIZIONE altrimenti il cane non rispetterà gli orari, e non avrà mai fame..6: mentre siete a tavola non dovete dare NIENTE da mangiare al cane, nemmeno il pezzettino di pane avanzato.. altrimenti vi ritroverete un cane che elemosina cibo ogni volta che pranzate.. e quando il cane passa i 35kg, nn è per niente simpatico che si arrampichi sul tavolo per cercare avanzi!!! mai gli date cibo da tavola, mai lo chiederà :)

    7: ultima, ma non per scarsa importanza, abituate il vostro cucciolo a farsi toccare da voi, orecchie, zampe, denti, prima si abitua, più facile sarà per voi lavarlo, controllarlo, tagliargli le unghie ecc..*i cuccioli a 40 giorni cominciano a mettere i denti, e se cercano latte dalla mamma le fanno male. 60giorni è il periodo previsto dalla legge in cui il cucciolo dovrebbe stare con la mamma, ma spesso accade che al 40°giorno la mamma rifiuti i cuccioli. I cuccioli anche se allontanati fisicamente dalla mamma dovranno comunque restare in casa/allevamento con i loro fratelli fino al 60°gg.

    L’ARRIVO DEL SECONDO CUCCIOLO IN CASA..

     

    Se è in arrivo il secondo cucciolo tutte le regole che avete appena letto sono ovviamente valide quindi, sapete già come comportarvi con lui, ma dovete farlo accettare dal vostro primo cane cercando di non creare situazioni di gelosia e per fare questo, ecco qualche dritta:

    1.non portate il vostro cane con voi quando andate a prendere il cucciolo per portarlo a casa.

    2.fateli incontrare fuori da casa/giardino.. meglio in strada, dev’essere un territorio neutrale, altrimenti il più grande si sentirà in diritto di difendere il suo territorio.

    3.per i primi giorni teneteli insieme solo sotto il vostro controllo, anche involontariamente il grande potrebbe fargli male.

    4.per non creare gelosìe, se avete un giardino/terrazzo, fate dormire fuori il piccolo (che tanto non ha ancora abitudini precise) e tenete in casa con voi il più grande in modo che non si senta minacciato dal nuovo arrivo.

    5. i premi e le carezze, devono essere date sempre prima al più grande, e poi al cucciolo.

    6.la pappa sarà un momento difficile.. il cucciolo a quell’età divorerebbe anche voi quindi cercherà di sicuro di mangiare la pappa del più grande. tenetelo, legatelo (scherzo) ma deve rimanere a guardare fino a che il grande non avrà finito.. dopo di che, potrà mangiare lui.

    7.se il cucciolo morde il grande, il grande cercherà di morderlo a sua volta per fargli capire che non è un comportamento corretto.. cercate di non intervenire, devono regolarsi tra loro.. voi state a guardare e intervenite solo se il grande esagera.. (Bama metteva tutta la testa nella bocca di Bracco e lui pur di non morderla si sarebbe lussato la mascella per tenerla spalancata!!)

    Una cosa importante.. non pensate che i due cani insieme si facciano compagnìa e non serva farli giocare con gli altri.. non è così.. tutti i cani hanno bisogno di socializzare, di vedere posti nuovi, di sentire rumori, odori.. di ricevere sempre nuovi stimoli.. quindi anche se avete più di un cane, o se avete un giardino enorme, ricordatevi che i cani non possono vivere in giardino, devono uscire! Voi vivreste rinchiusi in un appartamento di 600mq? È grande.. ma non basta ;)

    PAM