• BORRELIOSI

  •  
  • Borrelia – Malattia di Lyme o Borreliosi
  • La Borreliosi è causata da un batterio a forma di spirale, Borrelia burgdorferi, che viene trasmessa ai nostri amici a quattro zampe dalla puntura dalle zecche del genere Ixodes Ricinus.

    Queste zecche hanno il loro habitat naturale nei boschi e negli ambienti rurali, con grande capacità di attaccare diversi ospiti animali, domestici e selvatici, compreso l’uomo.

    La borreliosi è anche nota come Malattia di Lyme: il nome deriva da un’epidemia verificatasi in Connetticut a metà degli anni Settanta, manifestatasi con un aumento di artrite nei bambini ed eritemi cutanei.

    Questa malattia è una zoonosi, ovvero è una malattia trasmissibile da cane a uomo, ma sempre e solo per mezzo di un vettore come la zecca.

    Diffusasi in America a macchia d’olio, in Italia le zone più soggette a rischio borelliosi sono la Liguria ed il Trentino Alto Adige; pertanto se risiedete in queste zone, o vi recate in quelle zone in vacanza, è richiesta un’attenzione maggiore alla salute del vostro cane, anche se altre zone sono soggette.

    La borreliosi è una malattia cutanea degenerativa che interessa anche il sistema nervoso, cardiaco e articolare dei cani.

    Poiché è molto difficile effettuare tempestivamente una diagnosi di borreliosi, in quanto i sintomi si manifestano poco alla volta e poco chiaramente, è importante eseguire ogni anno un test di controllo presso il medico veterinario così da verificare se l’animale sia stato stato infettato. Basta un unico prelievo di sangue: con il test SNAP® i risultati saranno pronti in soli otto minuti

    Causa

    La zecca dura (Ixodes ricinus) trasporta batteri e punge i cani, diffondendo l’infezione.

    Infezione

    silente

    • Segni cutanei nella zona della puntura

    • Febbre alta

    • Dolori muscolari

    • Zoppia

    • Artrite

    Nell’uomo, il segno più frequente e caratteristico, ma non sempre presente, è un arrossamento della pelle, localizzato nella sede cutanea colpita dalla puntura della zecca, che tende lentamente ad espandersi. È il cosiddetto ‘eritema migrante’ segno clinico della manifestazione precoce e localizzata, che compare dopo 5-30 giorni intorno al morso della zecca. Può essere associata a febbre e spossatezza.

    Progressione della malattia

    se non trattata

    Problemi muscolari ed infiammazioni delle articolazioni con fino ad arrivare alla zoppia e poliartrite. Nei casi di borreliosi acuta vengono coinvolti anche il fegato , i reni oltre a presentare disturbi neurologici e cardiaci

    Coinfezione

    Un animale debilitato è maggiormente soggetto all’infezione da parte di altri parassiti che vivono nello stesso ambiente. Ecco perchè è sempre importante verificare che un soggetto positivo all’anaplasmosi non sia anche portatore di Leishmaniosi o di malattie trasmesse da zecche.

    Diagnosi

    Semplice test su sangue: SNAP test 4Dx, esito in soli 8 minuti. Per ulteriori possibilità diagnostiche, chiedi al tuo veterinario

    Trattamento

    Terapia specifica antibiotica e collaterale. Chiedi al tuo veterinario.

    Prognosi

    Se identificata e trattata precocemente, l’esito è in generale molto buono e vi è una completa scomparsa della sintomatologia.

    Vaccinazione

    Disponibile.

    Altre forme di prevenzione

    Utilizzo di prodotti repellenti topici e di altro tipo prescritti dal tuo veterinario, ispezione e rimozione giornaliera delle zecche.